COSA SONO I NEURONI SPECCHIO?

Marta Calbi

I neuroni specchio (mirror neurons, in inglese) sono neuroni che si attivano sia durante l’esecuzione di un’azione sia durante l’osservazione della stessa azione eseguita da altri (Gallese et al., 1996; Rizzolatti et al., 1996).

 

Essi sono stati scoperti nei primi anni ’90 dal gruppo di ricerca guidato dal Professor Rizzolatti presso l’Università degli Studi di Parma. La storia narra che la scoperta di questi neuroni nel cervello del macaco rappresenti un vero e proprio esempio di serendipità:

Durante una pausa, uno dei ricercatori del team porta alla bocca alcune noccioline, proprio in quel momento si registra l’attivazione inaspettata di alcuni neuroni della corteccia premotoria del macaco, inaspettata perché il macaco non si stava affatto muovendo! 

face-g1a6df7192_1920.jpg

Studi successivi hanno portato alla scoperta di neuroni con proprietà specchio anche nell’uomo, suggerendo l’esistenza di un meccanismo funzionale che ci permette di comprendere i comportamenti altrui in modo diretto e non mediato (e.g., Gallese et al. 2004; 2014; Rizzolatti e Sinigaglia 2008).

 

In altre parole, azioni, emozioni e sensazioni che osservo nella persona con cui sto interagendo, sono in grado di attivare le rappresentazioni interne degli stati corporei che sono associati a questi stimoli sociali, come se io stessa/o fossi impegnata/o in un’azione simile o provassi un'emozione o sensazione simile. Un tale meccanismo ci rende, quindi, capaci di dare un senso corporeo al mondo e tale capacità è riconducibile al modello della Simulazione Incarnata, sviluppato dal Professor Gallese (e.g., Gallese 2003; 2014).

Bibliografia

Gallese, V. (2003). The manifold nature of interpersonal relations: the quest for a common mechanism, Philosophical Transactions of the Royal Society of London. Series B: Biological Sciences, vol. 358(1431), pp.517-528.

Gallese, V. (2014). Bodily selves in relation: embodied simulation as second-person perspective on intersubjectivity, Philosophical transactions of the royal society B: biological sciences, 369(1644), 20130177.

Gallese, V. et al. (1996). Action recognition in the premotor cortex, Brain, vol. 119(2), pp. 593-609.

Gallese, V. et al. (2004). A unifying view of the basis of social cognition, Trends in cognitive sciences, vol. 8(9), pp. 396-403.

Rizzolatti, G. & Sinigaglia, C. Mirrors in the brain: How our minds share actions and emotions. Oxford University Press, USA, 2008.

Rizzolatti, G. et al. (1996). Premotor cortex and the recognition of motor actions, Cognitive brain research, vol. 3(2), pp. 131-141.

Foto_MC.jpg

Marta Calbi

TEATRO E 
SCIENZA

© Copyright 2021  - Tutti i diritti sono riservati - Teatro e Scienza 

 
Privacy Policy